IPB


Welcome Guest ( Log In | Register )

 
Reply to this topicStart new topic
> Ieodo Iodo 이어도 (1977) Kim Ki- young [FEFF14][DVD], [RECE] 김기영 Kim Ki-young
Rating 3 V
FEFF14 SNAKE
post Apr 17 2012, 11:55 AM
Post #1




Member
**

Group: Members
Posts: 142
Joined: 28-February 12
Member No.: 330,590





QUOTE




What begins as a press junket for a new hotel on Jeju Island to be named after the mythical island of the film's title turns into a supernatural murder mystery when one of the journalists (Choi Yoon-seok) aboard the ship disappears overnight after a quarrel with Seonwoo Hyun (Kim Jeong-cheol), the mastermind behind the promotional event. In order to clear his name of any suspicion of wrongdoing, Seonwoo Hyun, together with the reporter's boss (Park Am) head for Parang island, inhabited only by a population of aging sex-starved female divers. The blend of mystery, supernatural, pseudo-science and graphic sexual imagery likening sex to the mating of insects recalls the tales of Japanese writer Edogawa Rampo. The camera takes full advantage of the beauty of the ocean, the island's jagged coastline and actress Lee Hwa-si's stunning features. Toss in an exuberant sexually-charged shamanistic ritual (performed by Park Jeong-ja) and a shocking scene of necrophilia, and it adds up to an experience you won't soon forget. (Twitch)

(Uscito in dvd nella Kim Ki-yong Collection della Kofa)

grazie a Mark


--------------------

serpe al Festival!
Go to the top of the page
+Quote Post
FEFF14 SNAKE
post Apr 17 2012, 12:18 PM
Post #2




Member
**

Group: Members
Posts: 142
Joined: 28-February 12
Member No.: 330,590





Kim Ki Young Collection (DVD) (Korea Version)


The Kim Ki Young Collection comes with the following four films: Goryeojang (a.k.a. Burying Old Alive) (1963), Chungnyeo (a.k.a. The Insect Woman) (1972), Promises (a.k.a. Promises of the Flesh) (1975), and Ieoh Island (a.k.a. Iodo) (1975).

Korean Film Archive posthumously honors late filmmaker Kim Ki Young, who is widely known for his psychodramas and sexual horror films. Born in 1919, the acclaimed director grew up in Pyongyang and spent a good amount of his adulthood in Japan where he studied theater and film. In 1960, he presented The Housemaid (or Ha neyo), a disturbing psychological drama which is still voted by critics as one of the best Korean films of all time. After releasing a string of well-received films such as Chungnyeo and Ieoh Island in the 70s, Kim acquired a new interest for B-movies which got him off the mainstream market. But by the early 90s, Kim's work began to catch the attention of some diehard fans of Korean cult films, resulting in the revival of Kim's career including special screenings at numerous international film festivals. Unfortunately in 1998, Kim and his wife were killed in a house fire. Nonetheless, his legend continues in particular through many of his younger colleagues such as Kim Ki Duk, Bong Joon Ho, and Park Chan Wook who cite Kim as their great mentor. This edition comes with special features that includes commentaries by film critic Kim Young Jin and director Bong Joon Ho, plus a photo gallery and 35 minutes of interview clips of the legendary director.

Goryeojang (1963) (a.k.a. Burying Old Alive)
In the ancient Goryeo tradition of "Goryojang", when one's parents reach the age of 70, they are carried to the mountaintop and left to die. A widow marries a poor farmer who already has ten children, making her young son Gu Ryeong number eleven in line. But her marriage brings bad luck to the village as a shaman prophesizes that Gu Ryeong will kill all of his ten stepsiblings. Overhearing that, the stepsiblings attempt to kill Gu Ryeong, but only manage to cripple his leg. Thirty years later, the stepsiblings strike again by raping Gu Ryeong's wife, but this time, Gu Ryeong and his wife kill two of his siblings. Fifteen years later, devastating drought brings despair to the village, during which Gu Ryeong is charged with his siblings' murders. The shaman orders him to be executed, but Gu Ryeong's mother begs the shaman for her grace in exchange for sacrificing her own life to Goryeojang.

Chungnyeo (1972) (a.k.a. The Insect Woman)
A mentally disturbed Professor checks himself into a hospital where he meets other patients suffering from schizophrenia as a result of extramarital affairs. He comes across a story about a man who was killed by his mistress - a prostitute named Myung Ja. Apparently Myung Ja was raped by a married man who incidentally suffered from impotence, but the assault turns into a prolonged love affair. After much contemplation, Myung Ja asks her man to be his concubine. Surprisingly, the man's wife agrees to it and even arranges Myung Ja to live with them in exchange for curing her husband's potency. But what no one has yet to see is that something horrific is heading their way.

Promises (1975) (a.k.a. Promises of the Flesh)
Convicted murderer Hyo Soon is granted a short leave from prison to visit her mother's grave. On her way, she meets a man named Hun whom she feels an instant connection with. The two soon share an intimacy that goes beyond the sexual level. They plan on escaping but Hyo Soon backs out and returns to jail with the promise that they join again two years later. Two years zoom by and Hyo Soon is released from the prison. Anxious to see Hun, she hurries to meet him, but will Hun show up for their sweet reunion?

Ieoh Island (1975) (a.k.a. Iodo)
Ieoh Island tells the story of a missing man from Ieoh island. Woo Hyun who works for a travel agency starts a marketing campaign inside a cruise ship in honor of the opening of "Ieoh", the newly constructed hotel in Jeju Island named after the mysterious Ieoh Island. The campaign entails searching for the exact location of Ieoh Island. Listening quietly to Woo Hyun's exciting plan, Nam Suk looks rather disturbed and suddenly disappears amidst the storm. Feeling responsible for his death, Woo Hyun sets out in search of the missing man and starts unlocking the mysteries surrounding his sudden disappearance.

http://www.yesasia.com/global/kim-ki-young...-0-en/info.html


--------------------

serpe al Festival!
Go to the top of the page
+Quote Post
FEFF14 SNAKE
post Apr 18 2012, 10:34 AM
Post #3




Member
**

Group: Members
Posts: 142
Joined: 28-February 12
Member No.: 330,590





Forse non è una coincidenza che una delle rappresentazioni più avvincenti e sconcertanti – a opera del cinema coreano – delle forze primitive che muovono l’umanità sia stata concepita durante gli anni Settanta,
il decennio di meccanizzazione e industrializzazione. Mentre il governo militare promuoveva una campagna a oltranza per la modernizzazione, quel genio contorto del cinema che era Kim Ki-young era impegnato a girare un film che elimina uno alla volta tutti gli strati della società moderna per esporre l’esperienza umana nei suoi aspetti più primitivi.
Iodo è incentrato su un’isola al largo della costa coreana meridionale, popolata da donne che vivono del mare e le cui vite sono strutturate “secondo le vecchie tradizioni”. Lontana dagli influssi moderni della terraferma, l’isola è una società separata dove gli antichi usi e costumi prevalgono e lo sciamano locale esercita un’autorità molto forte. Quando uno dei figli dell’isola (Choi Yoon-seok), che era andato in terraferma, scompare dal ponte di una nave turistica, un uomo d’affari (Kim Jong-cheol) sospettato di averlo assassinato arriva sull’isola nella speranza di scoprire la verità dietro la sparizione dell’uomo. Il visitatore viene a conoscenza della complicata storia che riguarda la stirpe maledetta dell’uomo scomparso, e nel contempo viene intrappolato nelle vicende della stessa isola.
Iodo, che non è un film facile da assorbire in un colpo solo, viene raccontato attraverso una complessa struttura a flashback (ognuno dei quali segnalato da un rumore di acqua che ribolle), i quali lentamente ci portano a capire il nucleo narrativo della storia. Il film sovrappone e contrappone pratiche sociali moderne e tradizionali, dall’impegno ambientale e di acquicoltura ai riti superstiziosi e agli esorcismi. Ma ciò che lega il primitivo e il contemporaneo è un’ossessione nei confronti della procreazione. Che si tratti di esseri umani, di maiali o di molluschi d’allevamento, la capacità o l’incapacità riproduttiva determina il destino di quasi tutti dentro il film.
Sin dalle prime riprese, Kim Ki-young accantona ogni pretesto di realismo psicologico. Con un ritmo mozzafiato, variazioni improvvise, dialoghi altamente drammatici e primissimi piani, il film si compiace della sua imprevedibilità e forza. Tutto questo, unito a zoom, pettinature datate ed effetti speciali alla buona, di primo acchito fa sembrare il film un’accattivante parodia. Ma la genialità di Iodo risiede nella coesione e nel peso del suo nucleo tematico, oltre che nella sua strana e inaspettata bellezza.
Un elemento indimenticabile di quest’opera è l’ipnotica interpretazione di Lee Hwa-shi, nel ruolo di una barista che lavora sull’isola. Se la performance di Lee Eun-shim in Housemaid di Kim Ki-young può essere considerata la più sorprendente del cinema coreano degli anni Sessanta, la collaborazione di Lee Hwa-shi con il regista tra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta è sicuramente non meno riuscita. Sette dei dieci film da lei interpretati e girati dal 1976 al 1981 sono stati diretti da Kim e l’intensità, la sensualità e l’intelligenza che l’attrice trasferisce sullo schermo rappresentano un complemento perfetto alla regia frenetica e ispirata del cineasta.
Tuttavia, ciò di cui parleranno inevitabilmente gli spettatori dopo aver visto Iodo è il suo finale. La penultima scena culmina con una delle sequenze più sfacciate e sbalorditive mai girate da un regista coreano. Inutile dire che questa immagine venne censurata già nella prima stampa del film, nel 1977, ma una versione integrale del film venne esportata in Giappone, ed è per questo che il pubblico contemporaneo può ora godersi Iodo in tutta la sua grandezza. Grazie al cielo, perché questo film è esattamente l’opposto di certe pellicole che offrono brividi a buon mercato o terrore fine a se stesso: è uno dei migliori film coreani mai realizzati.

Darcy Paquet


http://www.fareastfilm.com/easyne2/LYT.asp..._Documento=3573


--------------------

serpe al Festival!
Go to the top of the page
+Quote Post
FEFF14 SNAKE
post Apr 21 2012, 10:05 AM
Post #4




Member
**

Group: Members
Posts: 142
Joined: 28-February 12
Member No.: 330,590





stills



--------------------

serpe al Festival!
Go to the top of the page
+Quote Post
serpeinculo
post May 17 2012, 10:10 AM
Post #5




AdDiCtIoNisLOVE
********

Group: Members
Posts: 45,244
Joined: 20-December 06
Member No.: 7





fantastico!
sposto di rigore in sezione "fantasmi" in quanto ve ne sono, per la scena di sesso con il cadavere durante il rituale shamano in cui nel pene in rigor motis viene infilzata una cannula per far uscire il seme e rendere gravida la fidanzata, in modo che lei possa mantenere la promessa fatta alla suocera.

E' un film c om dicevo sui fantasmi sia "fisici", in senso letterale, (gli spiriti degli uomini morti in mare che fanno ritorno a casa) sia sui fantasmi che le persone di quell'isola hanno che si incrociano in questa storia che inizia cme un abuso edilizio, per saltare nell'inquinamento che uccide il mare per immergersi in quelle acque delle pescatrici di mitili e nel loro mondo chiuso di amazzoni, violente.
E' una storia di sperma di conchiglia (l'inizio della truffa involontaria con il latte di abalone e le vasche per l'allevamento) che incrocia lo sperma umano (le banche del seme; la lotta per lo sperma nel cadavere, il sesso con esso difronte alla santona che viene accoltellata) nel mondo degli spiriti dei marinai annegati nella utopica Isola Di Iodo dove gli uomini sono diretti.
Perchè su tutti gli uomini dell'isola di Jeju c'è una maledizione: i maschi moriranno in mare mentre le donne diventeranno sirene pescatrici e dal quell'isola nessuno può scappare perchè l'isola lo chiamerà indietro.

Il rumore di bolle d'acqua cambia la scena, i flashbacks sono tanti e il racconto necessita più di una visione per capire le interconessioni ma la storia è eccezionale e quel rito sessuale con il cadavere, sconvolgente.

7,5 9 per come osa.
bello, lento, cadenzato ma letale, Iedo affonda la lama nella storia scabrosa di una piccola comunità dai riti strani (quello dell'accoppiamento libero con l'esposizione di biancheria fuori dalla porta e gli uomini in fila con una candela accesa per donare il loro sperma) e dalla ripresa di scene realmente impensabili per un film del genere a quesi tempi.

Necromantik misto a shamanesimo in puro stile coreano.
Imperdibile

Pubblicato in data 30/apr/2012 da KoreanFilm

이어도 Ieoh Island (1977)

관광회사 기획부장인 선우현은 제주도에 관광호텔을 건설하는 첫 선전으로 이어도에 대한 캠페인을 벌임과 동시에 이어도의 실존여부를 조사하기 위한 이어도 탐색 관광선을 출항시킨다. 취재기자 천남석의 죽음에 책임을 느낀 선우현은 천기자의 집이 있는 작은섬 파랑도를 찾아가는데, 술집작부인 손민자는 독신이었던 천기자에게 비밀의 애인이 있었다고 귀뜸해 주며, 선우현에게서 천기자의 실종 최후의 상황을 전해들은 손민자는 선우현이 체험한 기이한 현상을 자신은 전적으로 믿는다고 말한다. 그리고 이어도에 빨려 들어간 사람들을 모시는 사당이 있으니 천기자의 명복을 빌어 주자고 한다.

Sun Wu-hyun is planning director of a travel agency. Wu-hyun starts the campaign on I-eoh Island with its first commercial while building a hotel in Jeju Island. At the same time, to find out the existence of I-eoh Island, Wu-hyun sets a cruise boat to I-eoh Island. Feeling responsible for the death of Chun Nam-suk, an investigative reporter, Wu-hyun goes looking for the small island of Parang where Nam-suk's home is. Bar waitress Sohn Min-ja knows the bachelor Nam-suk's secret girlfriend and tells Wu-hyun. Min-ja learns of Nam-suk's last moments before his disappearance from Wu-hyun. Min-ja tells Wu-hyun she completely believes in his mysterious experiences. And there is a shrine for those drawn to I-eoh Island. Min-ja suggests they go there and pray for Nam-suk's happiness in the other world.
Categoria:

Drammatici
Film straniero

Protagonisti:

이화시(Lee Hwa-si)
김정철(Kim Chung-chul)
박정자(Park Jung-ja)

Diretto da:

김기영(Kim Ki-young)

Prodotto da:

이우석(Lee Woo-suk)

Scritto da:

하유상(Ha Yu-sang)


--------------------


La vita non é una questione di come sopravvivere alla tempesta, ma di come danzarUDINE 2015 LOVE IS FOREVER
Go to the top of the page
+Quote Post
serpeinculo
post May 18 2012, 02:15 PM
Post #6




AdDiCtIoNisLOVE
********

Group: Members
Posts: 45,244
Joined: 20-December 06
Member No.: 7





Due passi del rituale, censurati





--------------------


La vita non é una questione di come sopravvivere alla tempesta, ma di come danzarUDINE 2015 LOVE IS FOREVER
Go to the top of the page
+Quote Post

Reply to this topicStart new topic
1 User(s) are reading this topic (1 Guests and 0 Anonymous Users)
0 Members:

 



Lo-Fi Version Time is now: 17th September 2014 - 09:34 PM


subBlack shadows and light edition © 2007 - DreamCaster
Original subBlack phpbb2 style by spectre